Clean Label, una sfida per i produttori di alimenti in tempi di cambiamento delle tendenze dei consumatori

Autore
Joanna Sikorska
17.03.2023
8 min di lettura
Clean Label, una sfida per i produttori di alimenti in tempi di cambiamento delle tendenze dei consumatori
Sintesi
Indice

  • Clean Label è una tendenza alimentare che prevede l’etichettatura di prodotti che riportano chiaramente la composizione e il metodo di produzione.
  • I produttori di alimenti devono adattare i loro prodotti alle mutevoli tendenze dei consumatori.
  • Amidi nativi, vitamina C e gelatina sono alcuni degli additivi che possono comparire negli ingredienti dei prodotti Clean Label.

Definizione di Clean Label


L’etichetta pulita, o Clean Label, è una tendenza alimentare che si riferisce a prodotti con un’etichetta chiaramente definita. Clean Label non significa necessariamente che i prodotti abbiano una composizione semplice, breve e naturale, facile da capire per i consumatori. Inoltre, non sono privi di additivi, ma di origine naturale.

Clean Label non si riferisce solo alla composizione del prodotto in sé, ma anche al modo in cui viene prodotto e lavorato. I consumatori sono alla ricerca di prodotti ottenuti in modo naturale e biologico. Tuttavia, va sottolineato che il marchio Clean Label è solo una tendenza, non è definito legalmente.

I prodotti Clean Label sono una risposta alla crescente domanda di prodotti naturali da parte dei consumatori. Volete saperne di più su Clean Label? Leggete il nostro articolo di approfondimento!

Clean Label: una sfida per i produttori alimentari


L’evoluzione delle tendenze dei consumatori sta avendo un forte impatto sulla configurazione del mercato dei prodotti alimentari. Un numero crescente di consumatori presta attenzione alla qualità, alla composizione e all’impatto sulla salute e sull’ambiente dei prodotti. I consumatori vogliono avere il pieno controllo su ciò che consumano e cercano prodotti sani, naturali e sicuri.

I produttori di alimenti devono affrontare una serie di sfide per soddisfare la crescente domanda di prodotti Clean Label. Devono adattare i loro prodotti alle mutevoli tendenze dei consumatori, il che spesso richiede cambiamenti nella formulazione e nel processo di produzione. Allo stesso tempo, devono mantenere i loro prodotti competitivi, il che è difficile quando si producono prodotti naturali con costi di produzione più elevati. Un’altra difficoltà è rappresentata dal fatto che, per molti prodotti, ottenere questo risultato mantenendo le proprietà desiderate richiede di solito più denaro per la produzione.

Una delle principali sfide per i produttori alimentari è anche la mancanza di un modello coerente di aspettative per i prodotti Clean Label. La percezione dei consumatori sulla nocività di alcuni ingredienti è diversa: alcuni li considerano innocui, mentre altri pensano il contrario.

Ingredienti ammessi nei prodotti a marchio pulito

Ingredienti ammessi nei prodotti a marchio pulito


I prodotti a marchio pulito possono contenere conservanti o addensanti. Si tratta di additivi funzionali che influiscono sulla consistenza dei prodotti, conferendo loro morbidezza e uniformità, sul colore e sul sapore e prolungano la durata di conservazione, riducendo il deterioramento degli alimenti e l’imbrunimento della frutta fresca esposta all’aria. Hanno molte funzioni utili e devono comparire nella formulazione di molti prodotti alimentari. Tuttavia, nei prodotti Clean Label, devono essere materie prime di origine naturale o innocue per la salute. Di seguito sono riportati alcuni esempi di additivi alimentari che possono comparire negli ingredienti dei prodotti Clean Label.

Amidi nativi


Gli amidi hanno molte proprietà utili nell’industria alimentare. Sono solubili in acqua calda e si gonfiano. Vengono quindi aggiunti ai prodotti come addensanti, ma non alterano il gusto del prodotto. Vengono utilizzati per la produzione di dolci, salse, dessert o prodotti caseari: Amido di frumento nativo, Amido di patate nativo o Amido di mais nativo.

Vitamina C


La vitamina C può funzionare anche con il nome di acido ascorbico. Sebbene abbia un numero E (E300), è comunque un conservante naturale innocuo per la salute. La vitamina C aggiunta agli alimenti è spesso un antiossidante: rallentando il processo di ossidazione, il prodotto mantiene il suo colore naturale e la sua freschezza. Il basso pH dell’acido ascorbico può anche aiutare a prevenire la crescita microbica, mantenendo il prodotto fresco e prevenendone il deterioramento. La vitamina C può essere utilizzata come conservante in molti alimenti come pane, salumi, marmellate, gelatine e salse.

Gelatina


La gelatina è un additivo alimentare etichettato E441, ma è naturale e completamente sicuro per la salute. Le caratteristiche principali della gelatina sono la sua viscosità e la sua capacità di formare un gel. Viene utilizzata anche come emulsionante e addensante. Si trova nella composizione di gelatine di frutta e di carne, yogurt, ricotta, dessert a base di latte e salse. Per saperne di più sugli usi della gelatina, leggete il nostro articolo!

Perché Foodcom?


Il nostro grande team di supporto alle vendite aiuterà i nostri commercianti a condurre i contratti e le trattative commerciali in modo fluido ed efficiente, per garantire il miglior servizio di qualità a tutti i nostri partner commerciali. Il nostro team di logistica si occuperà del trasporto e il dipartimento finanziario sarà responsabile di tutte le questioni legate alla parte finanziaria dell’affare. Non esitate! Contattateci.
Per saperne di più “Fecola di Patate Nativo”
Native Potato Starch
1070 EUR
6.54%

Iscriviti alla nostra Newsletter per saperne di più sui nostri prodotti