Rapporto sul mercato globale dei cereali per mangimi

Autore
Foodcom Experts
01.09.2021
9 min di lettura
Rapporto sul mercato globale dei cereali per mangimi

Vi presentiamo i punti salienti del mercato dei cereali da foraggio in tutto il mondo. Date un’occhiata alle difficili condizioni meteorologiche che influenzano il raccolto e fanno impennare i prezzi di grano, cereali e mais. Scoprite anche come i governi e gli agricoltori di tutto il mondo stanno gestendo la situazione.

 

Maltempo, calo della produzione e prezzi record

La produzione di grano in tutto il mondo sta affrontando una serie di sfide, la più grave delle quali è rappresentata dalle condizioni climatiche sfavorevoli, che vanno dalle inondazioni alla siccità. Il mercato globale del grano registra una continua volatilità dei prezzi, con numeri significativamente più alti rispetto alle stagioni precedenti. I prezzi record del grano sono stati fissati a metà agosto 2021 a 333 dollari per tonnellata, mentre la produzione globale sta subendo una battuta d’arresto. Il raccolto di grano rivisto per la Russia è sceso del 15% a 72,5 milioni di tonnellate per la campagna di commercializzazione 2021/2022. Il calo della produzione è dovuto alle difficili condizioni climatiche di febbraio e marzo, con eventi di gelo e disgelo. Il raccolto di grano canadese dovrebbe essere il più basso degli ultimi 10 anni, con 24 milioni di tonnellate, a causa del peggioramento della siccità nel mese di luglio. Anche le previsioni per la resa del grano nel 2021 nell’UE sono state abbassate da 5,82 tonnellate per ettaro a 5,75 tonnellate a causa delle frequenti piogge. In Australia, invece, le stime sulla produzione di grano sono state aumentate di 1,5 milioni per un totale di 30 milioni per la stagione 2021/2022. Il prezzo all’esportazione del grano da foraggio a fine agosto era di 410 dollari australiani per tonnellata, con un aumento del 33% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Situazione del mercato del mais

Anche i prezzi mondiali del mais sono molto più alti in questa stagione, con un picco all’inizio di maggio a circa 320 dollari per tonnellata. Da allora i prezzi sono andati gradualmente diminuendo, fino ad arrivare a 252 dollari per tonnellata alla fine di agosto. Le condizioni climatiche sfavorevoli in Brasile dovrebbero spingere ulteriormente i prezzi del mais. Le stime di produzione sono aumentate per l’Ucraina, grazie alle previsioni di rese più elevate, e per la Russia, grazie alla maggiore superficie coltivata. La produzione generale di mais dell’UE viene abbassata a causa della diminuzione dei dati relativi a Ungheria, Bulgaria e Romania, mentre le proiezioni più elevate riguardano Croazia, Francia e Germania. La Bulgaria e la Romania rappresentano circa il 28% della produzione di mais dell’UE e la recente siccità nella zona, causata dall’ondata di caldo estivo, potrebbe avere un impatto negativo sul raccolto.

Orzo

Le stime sulla produzione globale di orzo sono state abbassate, con previsioni di produzione più scarse per Canada, Turchia e Russia, mentre si prevede un aumento della resa in Ucraina, Marocco e Australia. Il prezzo di esportazione dell’orzo da foraggio dall’Australia a fine agosto era di 344 dollari australiani per tonnellata, con un aumento del 33% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Anche le stime sulla produzione di orzo nell’UE sono state abbassate, ma la resa è stata aumentata a 4,99 tonnellate per ettaro, rispetto alle 4,86 tonnellate stimate a luglio. Nel Regno Unito, circa il 90% dell’orzo invernale è già stato raccolto, con un ritardo causato dal freddo primaverile.

Come stanno affrontando gli allevatori l’aumento dei costi dei mangimi?

Nonostante l’aumento dei costi dei mangimi, le proiezioni per la produzione di latte negli Stati Uniti nel 2021 prevedono un aumento del 2,1% grazie al maggior numero di vacche e alle migliori prestazioni degli animali. Il prezzo del latte negli Stati Uniti dovrebbe crescere del 3,9% a causa dell’aumento dei costi del foraggio.

Asia e Oceania

In Cina, la carenza di mais ha spinto il Paese a incrementare gli acquisti di cereali gialli, tra cui mais, sorgo e grano. Inoltre, il governo ha autorizzato l’importazione di polvere d’orzo per mangimi dal Kazakistan per sostenere l’offerta interna. Sebbene i prezzi del mais sul mercato cinese siano diminuiti del 12% rispetto alle cifre record di maggio, sono ancora significativamente più alti rispetto allo stesso periodo del 2020.

Nel Sud-Est asiatico, i produttori di mangimi sono costretti a ridurre le importazioni di grano a causa dei prezzi record. Parte di questa domanda viene sostituita con l’orzo da foraggio australiano e diversi Paesi della regione registrano un forte aumento degli ordini dall’Australia. Le Filippine hanno importato 109.659 tonnellate metriche di prodotto australiano tra ottobre 2020 e giugno 2021 – un aumento di quasi dieci volte rispetto all’intera campagna 2019/2020. Il Vietnam ha importato circa 422.000 tonnellate metriche di orzo australiano in questa stagione fino a giugno, in aumento rispetto alle 20.000 tonnellate metriche dello stesso periodo dell’anno scorso, diventando il quarto maggior acquirente. Altri importanti importatori di orzo australiano sono la Thailandia e l’Arabia Saudita.

Problemi in Medio Oriente

A causa dei costi dei foraggi e della loro limitata disponibilità, gli agricoltori iraniani si rivolgono al mercato aperto. Molti di loro sono costretti a dichiarare bancarotta o ad abbattere gli animali, sollevando preoccupazioni per la grave carenza di bestiame nel prossimo futuro. Gli imprenditori iraniani stanno criticando il Ministero dell’Agricoltura Jihad per la sua decisione di non pagare la dogana su 3 milioni di tonnellate di cereali importati che sono ancora bloccati al porto.

Situazione in Europa

A fronte delle preoccupazioni espresse da diversi Stati membri dell’Unione Europea durante la riunione dei ministri dell’Agricoltura di luglio, il Commissario europeo per l’Agricoltura ha rassicurato che i prezzi dei mangimi sono destinati a diminuire e che i sussidi della Politica Agricola Comune (PAC) raggiungeranno gli agricoltori in caso di crisi dei prezzi. Gli Stati membri sono preoccupati per l’aumento dei prezzi internazionali dei mangimi tra il 25% e il 60%, in particolare per quanto riguarda la farina di soia, il grano, l’orzo e il mais. In Croazia, i costi per i mangimi sono i più alti degli ultimi sette anni. La situazione ha costretto il Paese a rivolgersi alla Commissione europea per ottenere un sostegno finanziario. D’altro canto, gli allevatori irlandesi approfittano dei costi più elevati dei mangimi con i loro sistemi di produzione competitivi basati sull’erba. Confrontando l’andamento dei prezzi dei prodotti e dei fattori di produzione, gli agricoltori hanno registrato un aumento del 4,5% rispetto all’anno precedente, grazie all’incremento dei prezzi del latte, della carne bovina e ovina.

Per saperne di più “Latte Crudo Bio”
Organic Raw Milk
620 €
1.61%

Iscriviti alla nostra Newsletter per saperne di più sui nostri prodotti