Cosa sono i fertilizzanti organici?

Autore
Foodcom Experts
11.01.2024
Cosa sono i fertilizzanti organici?
Sintesi
Indice
  • I fertilizzanti si dividono in organici, minerali e organo-minerali.
  • I fertilizzanti organici sono composti da materia organica naturale di origine animale o vegetale.
  • I fertilizzanti di origine animale includono letame, liquame o sterco, guano, farina di ossa o di carne e ossa, farina di pesce.
  • Oggi si utilizzano spesso fertilizzanti prelavorati, ad esempio sotto forma di pellet.
  • Si utilizzano anche biocumus, compost vegetale, segatura, corteccia di giardino, torba, lignite o leonardite.
  • L’urea o il fosfato monocalcico, ad esempio, possono essere utilizzati in combinazione con i fertilizzanti organici.
  • I fertilizzanti organici sono utilizzati nell’agricoltura biologica, in particolare nell’agricoltura biologica, ma anche nell’orticoltura o negli orti domestici.
  • I fertilizzanti organici sono sicuri per le piante, l’ambiente e i consumatori e migliorano anche il sapore del raccolto.

Fertilizzanti organici

I fertilizzanti sono sempre stati utilizzati in agricoltura per aumentare la fertilità del suolo e la resa delle colture. Oltre ai concimi minerali, ampiamente conosciuti, esistono sul mercato anche concimi organici, che risalgono agli albori dell’agricoltura. Il loro indubbio vantaggio è che i fertilizzanti naturali sono ecologici e sicuri per le piante. Che cosa sono esattamente e quali tipi di fertilizzanti organici esistono? Dove si possono usare i fertilizzanti organici e quando conviene usarli?

Cosa sono i fertilizzanti organici?

I fertilizzanti organici sono costituiti da materia organica naturale contenente molecole carboniose. In passato, per fertilizzare il terreno si usavano cenere, limo di fiume, resti di piante ed escrementi di animali. Ancora oggi, il letame e i liquami, così come il compost, sono alcuni dei fertilizzanti organici più diffusi e utilizzati in agricoltura e orticoltura.

I fertilizzanti organici contengono molti nutrienti essenziali per il corretto sviluppo e funzionamento delle piante. Si tratta principalmente di macronutrienti come azoto, potassio, fosforo, calcio e magnesio, oltre ai micronutrienti molibdeno, rame, manganese e boro. Tuttavia, le quantità non sono così strettamente definite e personalizzate come nel caso delle miscele minerali.

Organic fertilizers Foodcom S.A.

Tipi di fertilizzanti organici

Esistono diversi tipi di fertilizzanti organici, solitamente suddivisi in base alla loro origine. Si distingue quindi tra concimi di origine animale, vegetale e organico-minerale. I vari fertilizzanti organici hanno composizioni e proporzioni diverse dei composti che contengono. La scelta del concime giusto è determinata dal tipo di coltura e dalle caratteristiche del terreno. Il più delle volte, per scegliere il fertilizzante organico giusto, gli agricoltori raccolgono campioni di terreno che vengono analizzati per verificarne la composizione.

Concimi animali

I fertilizzanti organici di origine animale sono principalmente il letame di bovini, cavalli, maiali o uccelli, i liquami o il letame, le farine di ossa o di carne e ossa, le farine di pesce e il biohumus.

Il biohumus è prodotto dalla decomposizione della materia organica da parte di microrganismi e dai processi digestivi dei lombrichi. I lombrichi californiani sono i più utilizzati per produrre biohumus. Questo fertilizzante ha una struttura desiderabile e un elevato contenuto di sostanze nutritive. Viene utilizzato soprattutto per le colture da giardino.

I fertilizzanti a base di escrementi di uccelli, come il guano e il letame di uccelli, contengono una concentrazione molto elevata di forme di azoto facilmente assimilabili e di fosfati di calcio e magnesio. A differenza del biohumus, che è sicuro da questo punto di vista, con questi fertilizzanti c’è un alto rischio di sovraconcimazione. Spesso si utilizza letame di uccelli compostato e pretrattato, come il letame granulare di pollo. È possibile trovare letame bovino, equino o suino in una forma simile.

Anche la farina di ossa o la farina di carne e ossa, così come la farina di pesce, sono spesso utilizzate come fertilizzanti organici. Questi prodotti si ottengono dagli scarti dei macelli (pelli, carne, ossa, sangue, piume).

Fertilizzanti di origine vegetale

I fertilizzanti organici di origine vegetale sono principalmente i compost. Il compost è materia vegetale decomposta da microrganismi. Può essere prodotto da diverse specie di piante e da diverse parti di esse, ad esempio steli e foglie, oltre che da rifiuti come bucce di verdura o frutta e gusci d’uovo.

Anche la segatura o la corteccia del giardino vengono utilizzate come fertilizzante organico, spesso dopo essere state prima compostate. L’urea può essere aggiunta al cumulo di compost come fertilizzante per stimolare i microrganismi a scomporre le sostanze contenute nella materia organica.

I fertilizzanti come la fibra di cocco sono usati meno frequentemente. Ha il vantaggio di avere una durata elevata, di diversi anni.

Concimi organo-minerali

I concimi organo-minerali sono concimi in cui un concime organico viene aggiunto al concime minerale a base di azoto, fosforo o magnesio. I concimi minerali possono sostenere e integrare l’azione dei concimi organici. I già citati urea o fosfato monocalcico sono spesso utilizzati in questo ruolo. Entrambi questi composti sono disponibili nel negozio Foodcom. Anche materie prime minerali come la torba, la lignite o la leonardite sono spesso utilizzate come fertilizzanti.

Produttori di fertilizzanti organici

Sul mercato sono disponibili molti fertilizzanti organici per diversi scopi e da diverse fonti. Per quanto riguarda i fertilizzanti per uso personale, i produttori più noti sono Target, Florovit o Agrecol. Per quanto riguarda i fertilizzanti per gli agricoltori, uno dei principali produttori di fertilizzanti organici in Polonia è Foodcom. Altri produttori sono Agrecol, Polifoska e Grupa Azoty.
Il mercato globale dei fertilizzanti organici continua ad aumentare di valore: si prevede una crescita del 9% nei prossimi cinque anni. I principali produttori mondiali di fertilizzanti organici includono Coromandel, Deepak Fertilisers & Petrochemicals, E B Stone & Sons, Gujarat State Fertilizers & Chemicals, Nutrien, Yara International e The Mosaic Company.

Organic fertilizers Foodcom S.A.

Uso dei fertilizzanti organici

I fertilizzanti organici sono ampiamente utilizzati in tutti i tipi di colture, non solo in quelle da campo. Sono spesso utilizzati anche nell’orticoltura, nel giardinaggio in serra o negli orti e giardini domestici. Vengono utilizzati anche sotto i prati o le aiuole, nella coltivazione di fiori, arbusti e alberi, nonché nella coltura idroponica.

Fertilizzanti organici in agricoltura

I fertilizzanti organici sono molto diffusi in agricoltura e nella coltivazione di colture alimentari. Gli ortaggi, la frutta o i cereali trattati con fertilizzanti naturali sono più sani e spesso più gustosi dei prodotti ottenuti con fertilizzanti minerali. I fertilizzanti organici per gli ortaggi coltivati dalle aziende agricole biologiche consentono di ottenere rese e qualità dei prodotti più elevate in modo naturale e sicuro per l’ambiente e i consumatori.

I fertilizzanti organici più comunemente utilizzati in agricoltura sono il letame, i liquami e le farine di ossa, carne e ossa o pesce. Si utilizza anche l’urea di origine naturale, che manifesta il suo elevato contenuto di azoto senza gli effetti collaterali di altri fertilizzanti azotati. Il più delle volte viene applicata per via fogliare sotto forma di spray. Una ricca fonte di calcio e magnesio, invece, può essere il fosfato monocalcico ottenuto da minerali naturali. I fertilizzanti organici di alta qualità per uso agricolo possono essere acquistati da Foodcom.

Concimi organici per la casa e il giardino

Nei giardini di casa, la maggior parte delle volte utilizziamo fertilizzanti organici sotto forma di compost. È facile da produrre gettando i rifiuti biodegradabili del giardino e della cucina. Se non abbiamo la possibilità di creare il compost o se il fertilizzante prodotto non è sufficiente per sostenere tutte le nostre piante, ci sono molti fertilizzanti organici disponibili sul mercato, anche per i giardinieri principianti. Uno di questi è il biohumus, consigliato anche per l’uso con le piante domestiche in vaso. Anche la torba o la segatura e la corteccia compostate sono spesso utilizzate nei giardini domestici. L’urea può essere utilizzata anche per prati, alberi ornamentali e ortaggi.

Fertilizzanti organici per la coltivazione di arbusti e alberi

I fertilizzanti organici utilizzati in orticoltura si presentano per lo più sotto forma di granuli e liquidi, che possono essere facilmente applicati alla coltivazione di arbusti e alberi da frutto o ornamentali. I granuli sono semplici da usare: basta mescolare il fertilizzante nello strato superiore del terreno prima della semina o della piantagione. I concimi in questa forma sono spesso pretrattati per ridurre l’odore, rimuovere gli agenti patogeni e i semi delle erbe infestanti e attivare i composti minerali che contengono. Sono disponibili diversi tipi di fertilizzanti in forma liquida, il più importante dei quali è il guano, o escrementi di uccelli marini. Questo fertilizzante contiene sostanze nutritive in alta concentrazione, per cui non è necessario utilizzarne grandi quantità per ottenere l’effetto desiderato. In questo modo non solo si risparmia concime, ma si riduce anche l’odore sgradevole associato alla sua applicazione.

Altri usi delle sostanze fertilizzanti

I composti utilizzati come fertilizzanti organici trovano spesso altri impieghi nell’industria e nell’agricoltura. Il fosfato monocalcico e l’urea possono essere utilizzati nell’industria alimentare. L’urea viene utilizzata anche nella produzione di cosmetici. Entrambe queste sostanze, così come le farine di pesce o di animali, sono spesso utilizzate come additivi per mangimi, grazie al loro elevato contenuto di nutrienti facilmente digeribili.

In conclusione, i fertilizzanti organici, nonostante la loro ricca storia e le alternative offerte dagli sviluppi del XXI secolo, sono ancora ampiamente utilizzati in agricoltura e orticoltura. Hanno il vantaggio di essere sicuri per le piante e per l’ambiente, il che è particolarmente importante nell’agricoltura biologica. Il loro svantaggio, invece, può essere l’odore sgradevole e intenso derivante dai processi di fermentazione o putrefazione a cui va incontro la materia organica. Tuttavia, questo aspetto può essere ridotto utilizzando concimi pretrattati in forma granulare o liquida.

Kategorie:
Condividi:
Per saperne di più “Farina di Pesce 72%”
Fish Meal 71%
2000 EUR
1.52%