Prospettive del mercato agricolo: prospettive del mercato globale e polacco

Autore
Foodcom Experts
18.10.2021
7 min di lettura
Prospettive del mercato agricolo: prospettive del mercato globale e polacco

Leggete il nostro rapporto sui mercati agricoli globali con una visione dettagliata della situazione in Polonia. Diamo un’occhiata più da vicino ai settori che comprendono cereali, bestiame e prodotti lattiero-caseari. Scoprite gli ultimi numeri della produzione, le recenti variazioni dei prezzi e le prospettive del mercato secondo gli esperti.

L’economia si sta ancora riprendendo dopo che la pandemia ha causato un impedimento senza precedenti su scala globale. Dopo mesi di ostacoli che hanno colpito la produzione agricola e il commercio internazionale, il mercato si sta riprendendo ma si prospettano ulteriori sfide. Nel nostro rapporto analizziamo la situazione agricola globale e diamo un’occhiata più da vicino anche al mercato polacco.

Mercato globale dei cereali

Secondo recenti proiezioni, la produzione mondiale di cereali raggiungerà i 2.283,3 milioni di tonnellate nella campagna di commercializzazione 2021/2022, con un aumento del 3,2% rispetto alla scorsa stagione. Nella stagione 2021/2022, la produzione di grano è prevista a 780,28 milioni di tonnellate, rispetto ai 775,83 milioni di tonnellate della campagna precedente. Si prevedono rese di grano più elevate nell’Unione Europea, con un aumento di oltre il 10%, e in Ucraina di quasi il 30% rispetto alla scorsa stagione. Anche per India, Cina e Australia si prevede un aumento della produzione di grano, con quest’ultima che potrebbe battere il terzo record assoluto con 31,5 milioni di tonnellate di grano prodotte in una stagione.

Una diminuzione della produzione sarà probabilmente rilevata negli Stati Uniti (-7%), in Canada (-35%) e in Russia (-15%). Nonostante l’aumento della produzione di grano, il consumo globale è ancora in crescita e la stima del consumo di grano per il 2021/2022 è di 789,6 milioni di tonnellate.

Nella prossima stagione, la produzione mondiale di mais è prevista a 1.197,77 milioni di tonnellate, in aumento rispetto ai 1.117,11 milioni di tonnellate della campagna 2020/2021. Si prevede un aumento del 30% in Ucraina, del 6% in Argentina e negli Stati Uniti e del 5% in Cina. Si prevede una riduzione del raccolto di mais nella regione del Sud-Est asiatico. La Cina dovrebbe aumentare l’uso del mais nel settore dell’alimentazione animale.

Allo stesso tempo, la produzione globale di soia dovrebbe raggiungere i 384,42 milioni di tonnellate, rispetto ai 363,27 milioni della stagione precedente. Si prevede un aumento della produzione negli Stati Uniti e in Argentina, mentre in Brasile e Paraguay si registrerà probabilmente una riduzione. Nella campagna di commercializzazione 2021/2022 si prevede che il consumo sia superiore ai tassi di produzione e che l’offerta globale di cereali diminuisca di 4,5 milioni di tonnellate rispetto all’anno scorso, raggiungendo i 589,2 milioni di tonnellate. Gli esperti prevedono che i prezzi dei cereali aumenteranno nelle prossime stagioni a causa delle condizioni climatiche sfavorevoli durante il raccolto.

Mercato dei cereali in Polonia

I recenti aggiornamenti sulla produzione di cereali in Polonia nel 2021 sono stati portati a 32,136 milioni di tonnellate – il 3% in più rispetto alla media quinquennale, ma ancora il 7% al di sotto dei numeri dello scorso anno. Ad eccezione del grano e della segale, le rese previste sono aumentate per tutti i cereali. La produzione di grano è prevista a 10,75 milioni di tonnellate. Tuttavia, il raccolto di mais dovrebbe battere il record di 6,8 milioni di tonnellate grazie all’espansione della superficie coltivata a 992.000 ettari, con una crescita del 66% su base annua.

Mercato globale di bovini, suini e pollame

I prezzi dei suini sono in calo a causa della minore domanda di importazioni di carne suina in Cina. Il Paese sta recuperando il numero di suini dopo aver affrontato l’epidemia di PSA. Gli esperti prevedono che i prezzi continueranno a diminuire fino al 2022 a causa della ripresa della domanda da parte del settore HoReCa e della diminuzione del numero di suini nell’UE. I prezzi del mercato bovino globale hanno subito variazioni nelle ultime settimane. In Australia, uno dei principali esportatori di bestiame, i prezzi dei bovini di peso morto sono in aumento, con gli ultimi dati di settembre che superano i 7,50 dollari al chilogrammo rispetto ai 5,70 dollari dell’anno precedente e ai 3,50 dollari del 2019. Allo stesso tempo, i prezzi per chilogrammo di bovini di peso morto in Brasile sono leggermente diminuiti a circa 3,90 dollari dopo un picco a luglio. In Nuova Zelanda, le cifre sono in continua crescita da marzo fino all’ultimo prezzo di quasi 4,50 dollari per chilogrammo di peso morto. Negli ultimi mesi, i prezzi dei bovini a peso vivo sono aumentati anche negli Stati Uniti, in Paraguay, Uruguay, Argentina e Gran Bretagna.

Dall’inizio del 2021, i prezzi internazionali del pollame hanno subito un’impennata a causa dell’offerta limitata dovuta all’epidemia di HPAI. La produzione si sta lentamente riprendendo e i prezzi ad agosto si sono moderati. Gli esperti prevedono che la produzione di pollame continuerà a crescere, ma i prezzi diminuiranno abbastanza lentamente, poiché la domanda di pollame nell’UE si sta riprendendo, soprattutto nel settore HoReCa.

Mercato polacco di bovini, suini e pollame

In Polonia, nei primi sette mesi del 2021, il valore delle esportazioni di carne suina è diminuito del 4,6% su base annua. Anche la redditività della produzione sta diminuendo a causa dell’aumento dei costi dei mangimi. Tuttavia, i prezzi polacchi del bestiame stanno salendo alle stelle: l’offerta si sta riducendo mentre la domanda internazionale rimane forte. Tra gennaio e luglio 2021, il valore delle esportazioni di bovini polacchi è cresciuto dell’8,9% su base annua. L’aumento dei prezzi dei bovini ha superato l’impennata dei costi dei mangimi, migliorando la redditività della produzione. Gli esperti prevedono che l’aumento della produzione nel 2022 si tradurrà in una riduzione dei prezzi dei bovini. Il mercato polacco del pollame ha subito perdite significative a causa del brusco calo della domanda nel 2020 e dell’epidemia di influenza aviaria che ha causato l’utilizzo di 14 milioni di animali nel 2021.

Tuttavia, la situazione si sta stabilizzando, mentre il valore del mercato polacco delle esportazioni di pollame sta aumentando e tornando al livello pre-pandemia. Ad agosto, gli aumenti dei prezzi del pollame hanno superato le impennate dei costi dei mangimi, migliorando la redditività della produzione. Gli esperti prevedono che i prezzi del pollame diminuiranno, mentre la produzione aumenterà solo moderatamente a causa dei crescenti costi dei mangimi.

Mercato lattiero-caseario globale

L’aumento dell’offerta di latte ha contribuito al calo dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari a giugno e luglio 2021. Tuttavia, gli ultimi dati mostrano il ripetersi di aumenti dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari, in particolare per il siero di latte – una crescita da un anno all’altro di oltre il 31%, l’SMP di quasi il 19% e il burro di quasi il 16%. Tra gennaio e agosto 2021, la produzione di latte dei principali produttori mondiali è leggermente aumentata. Gli Stati Uniti hanno registrato una produzione di 69,34 milioni di tonnellate, con un aumento del 2,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Analogamente, l’Argentina ha prodotto 7,24 milioni di tonnellate, con una crescita di quasi il 4%, mentre la produzione di latte in Australia è aumentata del 4,1%, raggiungendo i 10,67 milioni di tonnellate.

I principali produttori lattiero-caseari dell’emisfero meridionale hanno già registrato aumenti significativi nella produzione di latte, ma l’alta stagione deve ancora arrivare. Nell’UE, tra gennaio e luglio 2021, il latte totale consegnato alle latterie è stato pari a 87,049 milioni di tonnellate, in calo dello 0,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il prezzo medio del latte nell’UE è in continua crescita dall’inizio del 2021. L’ultimo prezzo medio del latte per l’UE-27 è stato rilevato in agosto a 35,97 euro per 100 kg, rispetto ai 33,08 euro per 100 kg dello stesso mese dell’anno scorso.

Mercato lattiero-caseario polacco

Nella prima metà del 2021, la Polonia ha aumentato la produzione di formaggio del 2,7%, così come quella di yogurt e WMP, rispettivamente dell’1,7% e dell’1,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. La produzione di altri prodotti lattiero-caseari è diminuita, soprattutto quella di latte scremato in polvere (8,2%). Tuttavia, le consegne polacche di latte fresco e confezionato ai partner extra-UE sono aumentate significativamente, in particolare in Ucraina, Cina, Corea del Sud e Sudafrica. Gli esperti prevedono che i prezzi del latte in Polonia potrebbero aumentare leggermente a causa dell’offerta limitata e della concorrenza tra i caseifici.

Per saperne di più “Latte Intero in Polvere”
Full Cream Milk Powder
3900 EUR
1.3%

Iscriviti alla nostra Newsletter per saperne di più sui nostri prodotti