5 storie di punta del settore lattiero-caseario questa settimana

Autore
Foodcom Experts
22.07.2021
9 min di lettura
5 storie di punta del settore lattiero-caseario questa settimana
Vi presentiamo le notizie più importanti del settore lattiero-caseario mondiale. Leggete le storie riguardanti le spedizioni in Cina, il costo del latte in Spagna, la situazione lattiero-casearia in Australia, le stime dell’USDA e gli stabilimenti lattiero-caseari in Nuova Zelanda.

 

Crescono le spedizioni di latte polacco in Cina

I produttori di latte polacchi hanno aumentato le spedizioni in Cina tra gennaio e aprile di quest’anno, con 53 milioni di euro di latte consegnato che rappresentano il 6% dell’intero portafoglio di esportazioni. Allo stesso tempo, il valore complessivo delle esportazioni di latte e derivati dalla Polonia è stato pari a 852 milioni di euro, con una crescita dell’8% rispetto allo stesso periodo del 2020. Mentre nei primi quattro mesi del 2021 l’UE-27 è rimasta il principale importatore di prodotti lattiero-caseari polacchi con il 62% della quota di mercato, la Cina è stata il principale acquirente individuale di latte confezionato con ordini per 58.989 tonnellate di prodotti – un aumento di oltre il 90% rispetto all’anno precedente.

Latte in Spagna venduto sotto il costo di produzione

Lo studio condotto da Agri-food Cooperatives Spain e recentemente presentato dal Ministero dell’Agricoltura annuncia che oltre il 50% del latte spagnolo commercializzato è venduto al di sotto del costo di produzione. Nel caso del bestiame, il prezzo medio del latte è stato di circa 0,332 euro al litro, mentre il costo della sua produzione era superiore di quasi 20 centesimi. Secondo lo studio, la quantità di latte venduta al di sotto del suo costo distrugge il suo valore, cosa vietata dalla legge recentemente modificata. La ricerca si basa sui dati del 2018-2020, ma gli effetti sarebbero un problema strutturale che dura da oltre un decennio.

Posizione forte dell’industria lattiero-casearia australiana nel 2021

L’industria lattiero-casearia australiana ha visto condizioni favorevoli all’inizio del 2021 e si prevede che si rafforzerà ulteriormente nella seconda metà dell’anno, grazie ai forti prezzi del latte, all’aumento della produzione e alla crescente domanda dei partner asiatici. Secondo un recente rapporto pubblicato dalla Banca Rurale Australiana, i prezzi del latte alla stalla dovrebbero aumentare del 4-5% rispetto al 2020/2021. Ciò è supportato da un aumento degli ordini da parte di partner come Cina, Singapore, Sri Lanka e Vietnam. Cresce l’interesse per le polveri di latte. La crescente offerta di latte dovrebbe portare a un maggiore surplus di esportazioni e a un aumento del 5-8% del valore delle esportazioni per la stagione di commercializzazione 2021/2022.

Stime di produzione di latte negli Stati Uniti più basse per il 2021 e più alte per il 2022

Il recente rapporto dell’USDA annuncia che la produzione di latte per il 2021 è stimata a 228,2 miliardi di libbre, con una riduzione di 0,3 miliardi rispetto all’ultimo aggiornamento a causa di una resa più lenta del previsto. La proiezione per il 2022 è aumentata di 0,5 miliardi a 231,6 miliardi di libbre grazie all’aumento del numero di vacche. Per il 2021, le scorte finali sono relativamente alte, mentre le proiezioni della domanda sono diminuite, con conseguente diminuzione dei prezzi stimati per formaggio, burro, latte secco non grasso e siero di latte. Le stime del prezzo di tutto il latte per il 2021 sono state abbassate dai precedenti 18,85 dollari per t a 18,30 dollari, mentre le proiezioni per il 2022 prevedono 18,50 dollari per t a.

Gli impianti lattiero-caseari neo-aperturati in NZ cancelleranno quelli più vecchi?

La Olam International, con sede a Singapore, sta portando avanti i piani per la creazione di una nuova unità di lavorazione dei prodotti lattiero-caseari a Tokoroa, nel sud di Waikato, in Nuova Zelanda, in risposta alla crescente domanda dei clienti globali. L’azienda intende incontrare gli allevatori locali per conoscere le loro esigenze e sviluppare partnership strategiche. Anche altre strutture lattiero-casearie stanno nascendo in Nuova Zelanda, costruite da Happy Milk Valley, Synlait e Open Country Dairy, il secondo trasformatore neozelandese. Secondo il presidente di Fonterra, la sovraccapacità produttiva potrebbe causare rendimenti inferiori e inefficienza per i trasformatori, con ripercussioni negative sugli agricoltori rurali e una stagnazione a lungo termine del settore. L’amministratore delegato di Open Country Dairy ammette che l’eccesso di capacità nella lavorazione del latte può portare a una diminuzione delle prestazioni o addirittura alla chiusura degli stabilimenti più vecchi.

Per saperne di più “Farina di Piume”
Feather meal
0%

Iscriviti alla nostra Newsletter per saperne di più sui nostri prodotti