Commercio Extra lattiero-caseario dell’UE – Q3 2021

Autore
Foodcom Experts
10.12.2021
6 min di lettura
Commercio Extra lattiero-caseario dell’UE – Q3 2021

Leggi il nostro rapporto sul commercio lattiero-caseario dell’UE fino al terzo trimestre del 2021. Dai un’occhiata agli aumenti degli acquisti di burro da parte degli Stati Uniti e alle esportazioni in diminuzione verso i principali fornitori. Scopri le maggiori importazioni di formaggio nell’UE, le crescenti esportazioni di polvere di latte scremato verso i paesi asiatici e una notevole diminuzione delle spedizioni di polvere di latte intero verso il Regno Unito. Scopri anche i principali acquirenti dei prodotti lattiero-caseari polacchi e le spedizioni più grandi di quest’anno.

Esportazioni di burro

Tra gennaio e settembre 2021, i paesi dell’UE (escluso il Regno Unito) hanno esportato complessivamente 139.975 tonnellate di burro, il 15% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Mentre i principali acquirenti hanno aumentato i loro acquisti, alcuni partner del Medio Oriente hanno notevolmente ridotto i loro ordini nel 2021. Il principale acquirente di burro dell’UE è stato gli Stati Uniti, con acquisti in calo dell’1% per un totale di 32.419 tonnellate, di cui quasi il 78% fornito dall’Irlanda. La Cina si è classificata al secondo posto con un aumento del 22% negli ordini per un totale di 14.397 tonnellate, principalmente consegnate da Francia e Paesi Bassi. Le esportazioni di burro dell’UE verso la Corea del Sud sono aumentate del 39% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, raggiungendo le 8.027 tonnellate, posizionando il Paese come terzo acquirente più grande. Quasi il 60% delle spedizioni di burro dell’UE verso la Corea del Sud è stato inviato dai produttori francesi. Taiwan e l’Indonesia hanno aumentato i loro ordini per il prodotto dell’UE quest’anno rispettivamente del 9% e del 27%.
Tuttavia, altri principali acquirenti hanno diminuito i loro acquisti: le diminuzioni più significative sono state osservate dall’Arabia Saudita e dall’Ucraina, che hanno ordinato rispettivamente il 47% e il 48% in meno di burro rispetto allo stesso periodo nel 2020. Inoltre, Marocco, Israele e gli Emirati Arabi Uniti hanno ridotto ciascuno i loro ordini di burro dell’UE di circa il 35%. Nello stesso periodo, la Polonia è rimasta un importante fornitore di burro all’Ucraina con 1.487 tonnellate consegnate e alla Serbia con spedizioni per un totale di 1.548 tonnellate.

Importazioni di burro

Dall’inizio dell’anno fino a settembre 2021, i paesi dell’UE (escluso il Regno Unito) hanno importato 3.202 tonnellate di burro, con un aumento del 165% rispetto all’anno precedente. Le importazioni più elevate sono state registrate in agosto, mentre gli ordini più bassi hanno avuto luogo in luglio. Fino ad agosto, il Regno Unito ha fornito il 10% in meno di burro all’UE rispetto allo stesso periodo del 2020, per un totale di 16.026 tonnellate, ma rimane il principale fornitore.
Tuttavia, l’UE ha aumentato gli ordini di burro da altri fornitori chiave. Gli Stati Uniti si classificano come secondo fornitore di burro all’UE con 1.356 tonnellate consegnate fino a settembre – in aumento rispetto alle 160 tonnellate fornite l’anno scorso. Nello stesso periodo, le spedizioni dalla Nuova Zelanda sono aumentate dell’80% e da l’Islanda del 195%. Gli ordini dal Giappone – principale fornitore dell’anno scorso – sono diminuiti del 90% a circa 23 tonnellate consegnate fino a settembre.

Esportazioni di formaggio

Tra gennaio e settembre 2021, i paesi dell’UE (escluso il Regno Unito) hanno esportato 723.945 tonnellate di formaggio verso paesi terzi, registrando una crescita del 7% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Nonostante una diminuzione del 12% degli ordini, il Regno Unito rimane comunque il principale acquirente di formaggio dell’UE, con ordini per 277.934 tonnellate del prodotto effettuati fino ad agosto 2021. Tra gennaio e settembre, Irlanda e Francia sono stati i due principali fornitori di formaggio dell’UE al Regno Unito, con spedizioni rispettivamente di 58.050 tonnellate e 39.218 tonnellate. Il Regno Unito ha effettuato anche ordini significativi di formaggio da Belgio, Danimarca, Germania e Italia. Il secondo acquirente più grande del prodotto dell’UE è stato gli Stati Uniti, con acquisti in aumento del 18% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, per un totale di 99.342 tonnellate. L’Italia ha fornito il 28% di tutti gli ordini di formaggio degli Stati Uniti ed è stata anche il terzo fornitore più grande dell’UE verso paesi terzi. Gli Stati Uniti hanno anche effettuato notevoli ordini di formaggio dai Paesi Bassi, dalla Francia e dall’Irlanda. La Germania è stata il principale fornitore di formaggio dell’UE verso paesi esteri e ha fornito quantità significative a Giappone, Svizzera, Corea del Sud e Cile nel 2021. In generale, i principali acquirenti hanno aumentato gli ordini di formaggio dell’UE, ad eccezione di Giappone e Corea del Sud che hanno ridotto gli acquisti rispettivamente del 5% e dell’8%.
L’Ucraina ha aumentato i suoi ordini del 10% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e ha acquistato 37.683 tonnellate del prodotto, fornite quasi per il 49% dalla Polonia. Il secondo acquirente più grande dalla Polonia è stato il Regno Unito, con consegne per un totale di 12.379 tonnellate di formaggio. Tra i principali importatori, la Cina ha registrato il maggior aumento negli acquisti di formaggio dell’UE – il paese ha aumentato gli ordini del 64% a 30.935 tonnellate, consegnate principalmente dalla Danimarca.

Importazioni di formaggio

Dall’inizio dell’anno fino a settembre, le importazioni totali di formaggio nell’UE (escluso il Regno Unito) sono state di 48.077 tonnellate, rappresentando un aumento del 13% degli ordini rispetto allo stesso periodo nel 2020. Separatamente, il Regno Unito ha fornito 77.795 tonnellate del prodotto agli acquirenti dell’UE fino ad agosto, nonostante una diminuzione delle consegne del 21%. Il secondo fornitore più grande di formaggio per i paesi dell’UE è stato la Svizzera, con un aumento delle spedizioni dell’11% per un totale di 42.349 tonnellate fornite tra gennaio e settembre. Il terzo maggior fornitore di formaggio è stata la Serbia, con una crescita delle spedizioni del 25%, ammontanti a 1.483 tonnellate. Tra i principali fornitori, solo la Norvegia e gli Stati Uniti hanno consegnato meno formaggio rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Gli ordini effettuati ad altri fornitori sono aumentati, soprattutto da parte della Nuova Zelanda, con un aumento superiore al 465%, e dall’Islanda, con un aumento di quasi il 370%. Inoltre, le spedizioni di formaggio dalla Bosnia-Erzegovina sono cresciute da 292 tonnellate a 489 tonnellate. L’UE ha anche aumentato gli ordini di formaggio da Turchia e Australia rispettivamente del 26% e del 65%.

Polvere di latte scremato (SMP) – esportazioni

Tra gennaio e settembre 2021, le esportazioni di SMP dell’UE (escluso il Regno Unito) hanno raggiunto le 611.702 tonnellate, in calo del 2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. La Cina è stata il principale acquirente del prodotto di origine UE, con ordini per 108.329 tonnellate, in aumento dell’18% rispetto all’anno scorso. I principali fornitori di SMP dell’UE alla Cina sono stati Francia, Germania, Finlandia, Svezia e Irlanda. L’Algeria si è classificata come secondo importatore più grande del prodotto dell’UE, nonostante una diminuzione del 21% degli ordini rispetto all’anno precedente. Il paese ha acquistato 78.444 tonnellate del prodotto, di cui 36.700 tonnellate sono state fornite dalla Polonia, che ha realizzato il più grande ordine di SMP da un singolo paese fornitore.
Altri acquirenti chiave includono Indonesia e Filippine, entrambi con un aumento degli ordini del 56% e del 17% rispettivamente. Entrambi i paesi hanno acquistato SMP principalmente da Belgio, Germania e Francia. La Polonia ha anche consegnato un ordine significativo di 6.270 tonnellate alle Filippine. Si sono registrati declini significativi negli acquisti di SMP dell’UE in Arabia Saudita, con una diminuzione del 29%, e in Egitto del 15%. Fino ad agosto, le spedizioni verso il Regno Unito sono diminuite del 51%, ammontando a un totale di 9.054 tonnellate.

Polvere di latte intero (WMP) – esportazioni

Fino al terzo trimestre del 2021, le spedizioni totali di WMP di origine UE (escludendo l’origine nel Regno Unito) sono state di 223.229 tonnellate, in calo del 10% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Nonostante un calo del 6% negli ordini, il principale acquirente del prodotto è stato l’Oman, con acquisti totali di 35.620 tonnellate, principalmente fornite da Svezia e Danimarca. La Svezia è stata il sesto maggior esportatore di WMP dell’UE in quel periodo e ha consegnato il 98% delle sue spedizioni di WMP all’Oman. La Nigeria si è classificata come secondo maggior acquirente dell’UE con ordini in aumento del 32% a 20.919 tonnellate, consegnate per il 53% dai Paesi Bassi e anche da Danimarca e Francia. La Cina ha acquistato il 44% in più di WMP rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, con un totale di 17.717 tonnellate consegnate dai Paesi Bassi, dalla Francia e dall’Irlanda. L’Algeria ha ridotto gli ordini di WMP dell’UE del 61% a 13.171 tonnellate, provenienti principalmente dal Belgio e dalla Francia. Il Kuwait ha anche ridotto gli ordini del 57% a 5.210 tonnellate, di cui un fornitore quasi esclusivo sono stati i Paesi Bassi, che hanno consegnato 5.189 tonnellate del prodotto. Le spedizioni verso il Regno Unito sono diminuite del 39% a 12.234 tonnellate, principalmente fornite da Francia, Irlanda e Paesi Bassi. Tuttavia, altri partner chiave hanno aumentato gli ordini per il prodotto di origine UE: il Bangladesh ha incrementato le consegne di WMP del 66%, la Costa d’Avorio del 44%. Inoltre, gli Emirati Arabi Uniti hanno importato il 18% in più di WMP rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, mentre il Senegal ha aumentato le importazioni del 31% e Singapore del 7%.

Per saperne di più “Edam 30%”
Edam 30
3950 EUR
1.28%

Iscriviti alla nostra Newsletter per saperne di più sui nostri prodotti