Rapporto sul mercato degli additivi per mangimi Q4 2021: Aminoacidi e Vitamine

Autore
Foodcom Experts
29.12.2021
7 min di lettura
Rapporto sul mercato degli additivi per mangimi Q4 2021: Aminoacidi e Vitamine

Leggi il nostro rapporto con i momenti salienti del mercato degli additivi alimentari nell’ultimo trimestre del 2021, compresi aminoacidi e vitamine. Scopri vari fattori che hanno portato alle recenti aumenti dei prezzi dei componenti di grado alimentare. Dai un’occhiata ai prezzi record e scopri le sfide previste per il mercato degli additivi alimentari.

Aminoacidi

Alla fine del 2021, il mercato globale degli aminoacidi di grado alimentare stava vivendo carenze di approvvigionamento e volatilità dei prezzi. A novembre, le importazioni di lisina negli Stati Uniti si sono rallentate a causa della scarsità di approvvigionamento dalla Cina. Vincoli di produzione e interruzioni nella spedizione stavano restringendo la disponibilità del prodotto. Archer Daniels Midland, un produttore chiave di lisina negli Stati Uniti, ha interrotto la produzione di lisina secca nel 2021 e ora offre il prodotto solo in versione liquida. Attualmente, quasi l’intera domanda di lisina secca negli Stati Uniti dipende dalle importazioni, dominate dal mercato cinese.

Gli agricoltori stanno lottando per ottenere il prodotto, soprattutto nella forma secca, poiché è comunemente utilizzato nel mangime animale. I prezzi della lisina sono quasi raddoppiati di recente, e ancora di più sul mercato aperto. Gli agricoltori sono spinti ad aumentare la quota di farina di soia nelle razioni alimentari per i suini per compensare la limitata quantità di lisina. Dal momento che la farina di soia è più costosa, i costi alimentari stanno aumentando anche. A sua volta, i prezzi della farina di soia stanno crescendo. Tuttavia, per i suinetti e le scrofe in lattazione, una tale soluzione non è raccomandata, poiché le loro diete sono già composte dal massimo livello di farina di soia. Gli allevatori di suini dovranno quindi risparmiare le loro scarse scorte di lisina per questi animali. Inoltre, un livello più elevato di farina di soia nella dieta animale comporta una maggiore escrezione di azoto. Da un lato, consente agli agricoltori di risparmiare alcuni costi sui fertilizzanti, ma dall’altro, comporta un impatto ambientale più povero.

I prezzi in aumento dei mangimi e degli additivi alimentari, compresa la lisina, stanno influenzando anche l’avicoltura. Ad esempio, il prezzo delle uova in Nigeria sta aumentando drasticamente, e alcuni agricoltori sono stati costretti ad abbandonare l’attività non riuscendo a garantire la redditività. Inoltre, poiché vengono comunemente utilizzati con la lisina, sono previsti aumenti di prezzo per altri aminoacidi di grado alimentare, tra cui treonina, triptofano, metionina e valina. L’uso di questi altri componenti dipende dalla disponibilità e dai prezzi della lisina, quindi i produttori metteranno in atto sforzi per abbassare i prezzi e aumentare la produzione. Secondo gli esperti, si prevede che la carenza di lisina continuerà almeno fino alla primavera del 2022.

Per quanto riguarda il mercato degli altri aminoacidi di grado alimentare, i prezzi della metionina sono stati segnalati in diminuzione a metà novembre con una situazione di offerta e domanda stabile, dopo un periodo volatile di ordini fortemente ridotti. Allo stesso tempo, la fornitura di treonina sta diminuendo significativamente dall’inizio dell’autunno, poiché un grande produttore ha chiuso una delle linee di produzione. I prezzi della treonina sono relativamente stabili a causa di una domanda inferiore rispetto a quella della lisina e non si prevede che diminuiranno significativamente. Tra la fine di ottobre e la fine di novembre, la domanda di alcuni aminoacidi si è rallentata poiché i processori di mangimi hanno già assicurato le loro scorte. La domanda a valle della lisina è stata leggermente temperata all’inizio di dicembre. Gli esperti prevedono molte sfide per il mercato degli aminoacidi di grado alimentare nelle prossime settimane, tra cui interruzioni nella consegna, organizzazione logistica in inverno e prezzi volatili del mais.

Vitamine

All’inizio di dicembre, la produzione di vitamine di grado alimentare in Cina è stata gravemente compromessa dall’incremento del numero di casi positivi di Covid-19 recentemente diagnosticati nella provincia di Zhejiang. Le persone stanno andando in quarantena, mentre alcuni voli domestici vengono cancellati e le strade di collegamento vengono bloccate. La produzione in alcune aree è stata interrotta. Tra le aziende interessate ci sono Zhejiang NHU Pharmaceutical e Shangyu NHU Bio-Chem, entrambe grandi produttori di additivi di grado alimentare come vitamina A, D ed E. Inoltre, il governo cinese ha ordinato la temporanea chiusura di diverse fabbriche nella regione settentrionale per ridurre l’inquinamento atmosferico prima dei prossimi Giochi Olimpici invernali che si terranno a Pechino. Ci si aspetta che tale iniziativa possa ulteriormente disturbare la catena di approvvigionamento nelle prossime settimane.

Già all’inizio di ottobre, i prezzi di alcune vitamine, inclusi i prodotti di grado alimentare, prodotti in Cina, sono aumentati significativamente, soprattutto per la vitamina K3, la vitamina B6 e la vitamina C. Il cloruro di colina è stato registrato a un record di $4373,44 per tonnellata, aumentando quasi cinque volte in un solo mese ma è recentemente diminuito di quasi il 50%. Si prevede che la vitamina C si espanderà sul mercato poiché un nuovo sito di produzione in Cina è in fase di sperimentazione per 40.000 tonnellate per unità, con l’attività di esportazione commerciale prevista per iniziare nel primo trimestre del 2022.

Per saperne di più “Lisina”
Lysine
1580 EUR
7.06%

Iscriviti alla nostra Newsletter per saperne di più sui nostri prodotti