Inside Foodcom

Conosci meglio il nostro Team! Oggi vi presentiamo un'intervista con uno dei nostri Partner - Adam Nikodemski!

 
Ciao! Dicci qualcosa in più di te!
Mi chiamo Adam Nikodemski e sono responsabile del mercato italiano presso Foodcom SA. Mi occupo di tutti i prodotti, dal latte scremato in cisterna al burro chiarificato. Lavoro anche con proteine di origine vegetale. Puoi dire che sono specializzato nel fornire ai clienti il massimo comfort possibile.

Da cosa sono caratterizzati i vostri mercati?
Il mercato italiano è piuttosto specifico perché c'è una forte concorrenza e richiesta di alta qualita di materie prime. Ciò è dovuto alla grande varietà di prodotti che sono caratteristici dell’Italia. È anche un mercato molto stagionale.

Cosa ne consegue?
La stagionalità è sicuramente dettata dalle condizioni interne del paese, dalla quantità di latte prodotto localmente. Bisogna anche tener conto della stagnazione della produzione durante periodo di vacanze. Anche i turisti hanno un'influenza molto importante sul volume dei consumi interni. Ciò è associato a un grande rimpasto dovuto alle restrizioni introdotte nell'ambito della lotta contro la pandemia.

Quali sono i prodotti più popolari?
Il prodotto più apprezzato è il burro, seguito dalla Cagliata. Anche il latte in polvere è molto popolare. I produttori sono anche alla ricerca di proteine.

La posizione e la forma del paese sono piuttosto specifiche: cosa è collegato a esso?
Ciò può portare a problemi di trasporto, soprattutto nella parte meridionale del paese. Poi la distanza da percorrere crea enormi problemi di qualità. Per non parlare di mantenere i prezzi competitivi con alti i costi di trasporto. Un dato interessante è che per portare un prodotto in Italia bisogna attraversare le Alpi, che nella stagione invernale può essere una bella sfida!

Quali sono i flussi commerciali sul mercato italiano?
Prodotti come la cagliata, principalmente dalla Polonia, Estonia e Germania, così come il burro dei paesi dell'Europa occidentale, vengono spesso consegnati in Italia.
I prodotti più esportati dall'Italia sono invece il siero in liquido e formagi tipici. Vengono spediti nel nord Europa.
Puoi leggere di più sul mercato italiano nel nostro articolo: link

Cosa contraddistingue il mercato italiano?
Certo, i requisiti di qualità sono molto più alti che in altri paesi europei. Devi anche ricordare che differiscono anche tra il sud e il nord d'Italia.
Qui, probabilmente non sorprenderò nessuno quando dico che i buoni rapporti reciproci e la fiducia giocano un ruolo enorme.

Quali sfide affronti in questo mercato?
La sfida è sicuramente essere competitivi contro il resto d'Europa! Nonostante i ridotti consumi associati alla pandemia di COVID-19, gli italiani sono un grande esportatore globale, il che rende enorme la loro domanda di materia prima. È necessario fornire loro un'alta qualità confermata da molti certificati e allo stesso tempo un prezzo interessante.

Perché hai scelto questo mercato?
Perché durante i viaggi di lavoro posso provare deliziosi piatti italiani!

Quali sono le tue previsioni per il futuro?
Questa è una domanda molto difficile nella realtà attuale. Prevede un aumento dei consumi interni nella seconda metà di quest'anno, che si tradurrà sicuramente nella domanda di materia prima dal nord Europa. È ancora difficile dire se ci sarà un aumento dei prezzi. È anche possibile che i prezzi non cambino. Tuttavia, è improbabile che siano inferiori a quelli attuali.

 

Uśmiech 1